Viaggio Nel Mondo

Roncegno Terme

roncegno terme

© casaraphael.com

Roncegno Terme è un piccolo comune della Valsugana, distante una trentina di chilometri da Trento e una settantina da Moena, che gode di estati fresche e inverni non troppo rigidi. La sua posizione ai piedi del Fravort è incantevole, compiacendosi del vicino lago di Caldonazzo e del panorama delle valli trentine.

La Casa Raphael è a tutti gli effetti il centro termale di Roncegno, un edificio imponente ed elegante risalente agli inizi del ‘900, circondato da un lussureggiante parco di abeti, pini e castagni. È strutturata in ampi reparti e in diverse sale riservate ai trattamenti curativi e benefici. L’acqua sfruttata per le terapie è quella arsenicale-ferruginosa di Levico e Vetriolo ricca di minerali e proprietà medicamentose. All’interno del centro è perseguita la medicina antroposofica, una medicina alternativa che si basa sul principio che l’essere umano è costituito da quattro parti, una corporea e tre di natura immateriale: le forze che danno forma alla vita, i sentimenti e lo spirito. La malattia sarebbe causata dalla rottura dell’armonia tra le parti.

Il centro termale si occupa principalmentedelle condizioni di debilitazione, debolezza immunitaria, esaurimento energetico, convalescenza, malattie croniche invalidanti (soprattutto nei periodi seguenti a radioterapia o chemioterapia), malattie allergiche e stress. Chiaramente le proprietà terapeutiche dell’acqua vengono impiegate in molte altre patologie con l’ausilio di inalazioni, balneoterapia, fitoterapia, coppettatura e omeopatia, oltre a più originali trattamenti quali le terapie artistiche sempre nell’ottica di ristabilire il benessere corporeo legato a quello dello spirito e dell’anima.

Completano l’efficienza del centro termale la terrazza-solarium, che sfrutta la posizione favorevole di Roncegno verso sud, le piscine termali, il vicino campo pratica da golf, quello da tennis e la sala destinata all’organizzazione di feste e cerimonie. A questo proposito le terme di Roncegno riservano ai propri ospiti la possibilità di partecipare una volta a settimana a incontri culturali con lo staff interno alla struttura, oltre a visite guidate all’orto biologico. Tante le proposte per seguire corsi all’interno della casa: da quelli di cucina, sia per principianti che per esperti, a quelli di massaggio ritmico. A casa Raphael è possibile soggiornare, ma si può anche entrare per cure in giornata; il ristorante offre menù preparati con alimenti da coltura biologica biodinamica: alcuni prodotti provengono da un vicino maso poco distante.

I dintorni del centro termale riservano molte piacevoli sorprese come la Chiesa dei SS Pietro e Paolo con la Pala del Guardi, la Casa Museo degli Spaventapasseri (prima Mulino Angeli in frazione Marter), la Tor Tonda e la chiesetta di Sant’ Osvaldo. Per chi ama visitare paesi caratteristici consigliamo Borgo Valsugana il cui centro, affacciato su entrambe le sponde del Brenta, è un piccolo gioiello di palazzi antichi e affreschi. Altra meta di interesse sono i masi, più di quaranta nella zona: queste costruzioni che punteggiano i pendii, regalano un certo carattere alle valli del Trentino e possono diventare meta di pellegrinaggio per gli amanti della montagna.

In estate si possono fare splendide escursioni al massiccio della Cima d’Asta e sulla catena montuosa del Lagorai: numerosi gli itinerari che si snodano sul Lagorai di Serot e Cinquevalli da fare a piedi o in mountain bike lungo le sponde del Brenta. D’inverno il punto di riferimento è Panarotta 2002 che offre 18 km di piste a innevamento garantito servite da moderni impianti, come la seggiovia quadriposto Rigolor-Cima Panarotta. Spesso vengono organizzati da Roncegno itinerari per sci alpino e per escursioni sulle ciaspole, anche al chiaro di luna.

Apertura delle terme di Roncegno: dall’inizio della primavera fino a metà novembre.

Dove dormire a Roncegno Terme: per leggere i nostri consigli vai alla pagina dedicata agli hotel di Roncegno.

Come arrivare a Roncegno Terme: in automobile dall’autostrada A22 del Brennero uscire a Trento Centro. Alla rotonda prendere la 3° uscita e imboccare lo svincolo SS12 per Bolzano. Proseguire ed entrare sulla statale 47: continuare per circa trenta chilometri ed uscire a Roncegno/Marter. In treno è possibile arrivare alla stazione di Roncegno con i regionali che partono da Trento.

,