Viaggio Nel Mondo

Terme di Comano

Terme di Comano

© Archivio APT Trento – foto R. Kiaulehn

Ad un’altezza di 430 mt, a breve distanza dalle rive settentrionali del lago di Garda, Comano si compiace del panorama di una chiostra di splendide montagne, le Dolomiti di Brenta, e rappresenta un soggiorno ideale per chi desidera rilassarsi e concedersi qualche giorno alle terme.

Già note agli antichi romani, si narra che le terme di Comano siano legate alla leggenda della maga Sibilla che come ricompensa per essere stata protetta da alcuni malfattori, invitò il suo salvatore a bagnarsi nelle acque della sua grotta per guarire le macchie che gli deturpavano il viso. Molti anni più tardi l’uomo, nientemeno che Conte di Castel Spine, cercò nuovamente le acque benefiche e l’aiuto della Sibilla per il nipote afflitto da una orribile malattia. La maga era sparita e così anche la fonte miracolosa sotto macerie di pietra.

Al di là della leggenda, sappiamo che a causa di una frana le terme furono riscoperte solo nel 1800 e che da allora le sue proprietà benefiche per la cura della pelle sono state un toccasana per tutte le affezioni cutanee, grazie all’acqua oligominerale a Ph neutro ricca di bicarbonato, calcio, fluoro e magnesiaca. La temperatura si mantiene costante tra i 27° e i 28° e rimane la più alta tra quelle registrate in Italia tra le acque oligominerali.

Lo stabilimento termale è noto in tutta Europa proprio per problematiche dermatologiche, prime fra tutte la psoriasi e la dermatite atopica. Attraverso la crenoterapia abbinata ad altre pratiche, i benefici sono tangibili sia negli adulti sia nei bambini, senza ausilio di farmaci. Proprio per la grande affluenza di bambini, il centro termale propone diverse attività con laboratori e momenti di svago nel miniclub Giocainsieme.

Oltre a queste specifiche cure, esiste all’interno della struttura un centro con i più svariati trattamenti, da quelli rivolti alla bellezza del viso e al relax, fino a quelli specifici per una remise en forme a tutto campo. Queste acque hanno la fama di essere un vero e proprio elisir di bellezza.

Comano è una graziosa cittadina in posizione panoramica che offre, oltre alle terme, numerose attività. I dintorni infatti sono ricchi di borghi antichi da visitare come San Lorenzo in Banale, annoverato tra i Borghi più Belli d’Italia, Balbido con i suoi murales che ritraggono la vita contadina e Fiavé che, costruito su palafitte, è Patrimonio Unesco; e itinerari per scoprire il fantastico Parco Naturale Adamello Brenta con la Val d’Ambièz, e il Parco Fluviale del Sarca, un vero canyon nelle Alpi. Tra i diversi castelli, da non perdere è lo splendido Castel Stenico, maniero dell’alto medioevo ricco di testimonianze.

Gli sportivi hanno solo l’imbarazzo della scelta: innumerevoli i percorsi di mountain bike tra cui le ciclabili attorno al Garda e i trekking per esplorare i parchi naturali e le splendide Dolomiti di Brenta; non dimentichiamo poi che Comano è situata vicino ad importanti stazioni sciistiche come Andalo, Pinzolo e Madonna di Campiglio, la più famosa delle Alpi centro-orientali insieme a Cortina d’Ampezzo. Se siete in compagnia di bambini che muovono i primi sci, vicino alla cittadina esiste un campo scuola per imparare a sciare, Bolbenolandia (agli ospiti delle terme sono proposti prezzi speciali).

Apertura terme di Comano: d’estate e autunno dall’inizio di aprile all’inizio di novembre; in inverno dall’inizio di dicembre a metà gennaio.

Dove dormire a Comano Terme: per leggere i nostri consigli vai alla pagina dedicata agli hotel di Comano Terme.

Come arrivare alle terme di Comano: in auto prendere l’autostrada del Brennero – A22 e uscire a Trento Centro; prendere la direzione Madonna di Campiglio, e al km. 32 troverete le Terme di Comano. Per chi arriva da Brescia le terme si raggiungono con la SS del Caffaro. L’aeroporto più vicino è quello di Villafranca a Verona. Dalla città si raggiunge in treno Trento: in stazione ci sono collegamenti via autobus per le Terme.

,