Viaggio Nel Mondo

Terme Dolomia

Terme Dolomia

© Terme Dolomia

Nella località di Pozza di Fassa, nel cuore della bella e soleggiata Val di Fassa tra pascoli alpini e baite, si trovano le terme Dolomia. La sorgente termale che regala le acque per le terapie è quella di Alloch, che sgorga a quota 1320 mt. alla temperatura di 9,5° C dalle generose Dolomiti Ladine e, più precisamente, dalle rocce sedimentarie del Bellerophon del gruppo dei Monzoni. Conosciuta fin dalla fine del 1400 per le qualità terapeutiche, è l’unica sorgente solforosa del Trentino: la sua composizione solfureo – solfata – calcico – magnesiaca – fluorata regala grandi benefici.

Le sue proprietà sono conosciute ormai da tempo: già verso la fine del XV secolo, il principe vescovo di Trento, tale Ulderico III di Frundsberg, ne trasse beneficio durante un soggiorno a Cavalese. La fonte ha una storia travagliata, tra una distruzione provocata dal fiume Avisio nel 1777 e un incendio nella prima metà del secolo scorso, ma la falda acquifera ritornò comunque a regalare i suoi salutari doni.

Le differenti indicazioni terapeutiche e i percorsi termali possono essere integrati con visite specialistiche, da quelle rivolte alla nutrizione fino a quelle audiometriche. Le acque termali sono impiegate per la cura di problematiche dell’apparato gastroenterico fino alle affezioni reumatiche, da problemi dermatologici fino alle bronchiti croniche. Si può beneficiare del humage, trattamento basato sull’inalazione dei gas presenti nelle acque, di nebulizzazioni, grotte e stufe, cure idropiniche. Una delle specialità è certamente la fangoterapia impiegata nelle osteoartrosi e in alcuni casi di reumatismi extra articolari. La lutoterapia, così si chiama questa pratica, consiste in un completo o parziale impacco che può essere abbinato a un’applicazione di fieno caldo nella zona renale. Per un effetto disintossicante e una circolazione più vivace sono utili gli impacchi alle erbe medicinali: sacchetti di fiori di fieno caldi posati, in base al fastidio da trattare, sui reni e sul fegato. Il fieno propaga calore e stimola la circolazione, le sue proprietà terapeutiche ristabiliscono il benessere rinforzando gli organi interni, ripristinando il metabolismo e stimolando la diuresi. L’applicazione del fango è indicata anche per disinfiammare i seni paranasali in caso di sinusite.

Nel centro benessere, accanto alle proposte classiche per viso e corpo, sono effettuati trattamenti che attingono dalla sapienza orientale, quali ayurveda, tuina, riflessologia e terapia shiatsu.

Pozza di Fassa, poi, si trova in posizione strategica per gli amanti della montagna. Trascorrere qualche ora all’aria aperta baciati dalle cime Undici e Dodici non può che completare il benessere psico-fisico. D’estate, largo alle escursioni per ammirare le Torri del Vajolet, attraverso i vari rifugi tra seggiovie, pascoli e mulattiere; trekking spettacolari come il Trekking delle Leggende, 200 km per circa 60 ore di camminata distribuita in 20 tappe, che va dalla Val di Fassa alla Val di Fiemme e Primiero; o ancora il percorso Giallo della Via Alpina, che batte alcuni tra i sentieri più spettacolari della Valle. Pozza, insieme agli altri piccoli comuni della Valle di Fassa, è uno dei luoghi d’eccellenza della cultura ladina: scoprirla attraverso casa Zulian, la Torn e il Museo Ladin de Fascia a Vigo, è uno splendido modo per conoscere la storia di questa parte d’Italia.

Il periodo invernale non ha bisogno di presentazioni: la possibilità di raggiungere dalla Ski Area di Buffaure gli impianti di Canazei manda in visibilio gli sciatori che godono di oltre 25 km di piste. C’è poi la pista Alloch – Stadium di Pozza di Fassa che è aperta anche negli orari serali per godere di una bella stellata. Mentre gli appassionati di sci di fondo possono optare per il circuito della Marcialonga e l’anello di Ciancoal.

Apertura delle terme Dolomia: il centro termale è aperto tutto l’anno escluso il mese di novembre. Di domenica la struttura è attiva a gennaio, febbraio, marzo, luglio e agosto.

Dove dormire a Pozza di Fassa: le terme Dolomia si trovano all’interno dell’Hotel Antico Bagno, quindi niente di meglio che optare per questa soluzione. Per altri consigli leggete la pagina dedicata agli hotel a Pozza di Fassa.

Come arrivare alle terme Dolomia: in auto raggiungere l’autostrada del Brennero A22 e uscire al casello di Egna-Ora. Continuare sulla SS48, attraversare la Val di Fiemme fino a raggiungere la Val di Fassa. Raggiunta Pozza, alla rotonda ci si immette nella prima strada e di nuovo si gira a destra arrivando alla Strada di Bagnes.In treno, arrivati alla stzione di Trento è possibile raggiungere Pozza di Fassa con il bus 101 dei trasporti regionali. Su Bolzano ci sono voli da Roma e charter nel periodo estivo da Sicilia, Calabria e Sardegna.

,